Passa a livello superiore
Accesso
 
Comunicati della Federazione
COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE
19/07/2019
Assemblea della Federazione Veneta delle Banche di Credito Cooperativo
Approvato il bilancio 2018 della Federazione. Dati aggregati BCC Venete molto positivi con un utile a 105,8 milioni di euro, in crescita rispetto all’anno precedente (68 milioni di euro). BCC sempre più vicine ai territori e alle imprese. Rinviato, per comune accordo di tutte le BCC/CRA socie della Federazione, ad una nuova seduta assembleare in programma a settembre, il punto all’ordine del giorno sul rinnovo della Governance.

L’assemblea della Federazione Veneta delle Banche di Credito Cooperativo, riunita oggi a Padova, ha approvato l’esercizio di bilancio 2018.
Un momento di analisi e di confronto rispetto all’anno particolarmente intenso e di profonda trasformazione vissuto dalla stessa Federazione Veneta dopo la nascita e l’avvio dei due Gruppi Bancari Cooperativi.  Un’occasione ufficiale anche per presentare e analizzare in assemblea l’andamento del Credito Cooperativo Veneto attraverso i dati aggregati delle BCC/CRA Associate alla Federazione.
Una realtà che conferma nel Veneto una crescita importante e che evidenzia dati molto positivi, con un utile aggregato che si attesta a 105,8 milioni di euro (rispetto ai 68 milioni dell’anno precedente e ai 34 milioni del 2017).
Il saldo tra le nuove aperture e le chiusure di sportelli è sostanzialmente in pareggio benchè negli ultimi mesi il dato sia positivo grazie a nuove recenti aperture: nel 2018 le filiali sono stabili a 541 a testimonianza di un’attenzione al presidio dei territori e delle comunità locali che non ha eguali nel panorama bancario nazionale. Sono inoltre presenti in Veneto numerosi sportelli bancari di BCC che hanno sede in altre regioni d’Italia per un totale aggregato che sfiora le 600 unità.
Il numero complessivo di dipendenti delle BCC/CRA con sede in regione a dicembre 2018 risulta pari a 3.886, in leggera diminuzione (-1,57%) rispetto all’aggregato di confronto a fine 2017, mentre cresce il numero dei soci, che a dicembre 2018 sfiorano le 130 mila unità, in aumento del +1,1% su base annua.
Diminuisce l’indice sofferenze / impieghi  dal 12,72% di dicembre 2017 al 8,96% ad attestare il buon lavoro fatto dalle banche in questi mesi.
Cresce su base regionale anche la fiducia sia nel dato della raccolta diretta (pari a 19,7 miliardi di euro), sia attraverso quella indiretta. A dicembre 2018 gli impieghi del Credito Cooperativo Veneto ammontano a 16,5 miliardi di euro.
Per quanto concerne la dotazione patrimoniale delle BCC l’aggregato relativo al capitale e alle riserve è pari a 2,1 miliardi di euro, in crescita del 3,46% rispetto al 2017.
In tema di Governance federativa- annuncia il Presidente della Federazione Veneta, Ilario Novella- stiamo lavorando per trovare un nuovo equilibrio interno.
Il clima rasserenato e la disposizione al dialogo ritrovata nell’ultimo periodo per una soluzione positiva e condivisa da tutti i rappresentanti delle BCC/CRA Associate alla Federazione ci hanno indotto, di comune accordo, a procrastinare di qualche settimana il punto all’ordine del giorno che prevedeva il rinnovo del Consiglio di amministrazione e l’elezione del nuovo Presidente”.
E’ stata discussa e votata una mozione presentata dal rappresentante delegato di Centroveneto Bassano Banca, che ha proposto all’assemblea di nominare la nuova Governance in una nuova seduta assembleare da convocare a settembre.
“Con le sue 20 BCC/CRA associate – prosegue il Presidente - la Federazione continuerà nel frattempo a svolgere un ruolo primario di rappresentanza presso le Istituzioni, agevolando lo sviluppo delle banche socie attraverso il coordinamento interno. Continuerà inoltre a promuovere attività e strumenti di interesse comune, prestando consulenza specialistica alle proprie Banche socie in tema di Comunicazione istituzionale, Crediti e progetti speciali, Formazione identitaria, Vigilanza Cooperativa, Information Technology e Servizio Studi e Statistiche, coordinando iniziative e progetti trasversali nel territorio di operatività delle Associate”.